Welcome to ComeDonChisciotte
 
 

  USER PANEL

. Home
. Archivio per Data
. Cerca
. Il Forum
. Il Tuo Profilo
.
Messaggi Privati
. Pubblica
. Segnala Questo Sito
 

 

GLI ARTICOLI POSTATI NEL FORUM

entra nei forum

. Notizie dal mondo

. Notizie dall'Italia

. Opinioni

. Segnalazioni

. Cinema

. Libri

 

  FORUM: ULTIMI ARTICOLI


 Sanita’: 7-8mila medici ‘fuori’ dal Ssn entro il 2016
 Tirocini professionali Programma Garanzia Giovani
 Antisemitismo, allarme europeo
 nostro il record mondiale delle tasse: 53,2pressione fiscale
 albergatori respingono i profughi: «Troppo pochi 30 eu
 Manlio Di Stefano (M5S) stop armi a Israele o Governo Renzi
 Germania causa la stagnazione dell'Europa
 Vi è un Grande Assente.Il Grande Assente è Dio
 Il mago Dalemix non molla l'osso
 Grillo:via da parlamento se non fermeremo colpo di stato
 A settembre i senatori si vendicheranno
 USA stanno per riconoscere Ucraina proprio alleato
 Battaglia in Ucraina,uccisi oltre 20 civili nelle ultime 24h
 Per un tweet pro-Palestina centinaia di minacce morte e insu
 Il pilota ucraino del SU-25: ho abbattuto il Boeing 777

ComeDonChisciotte Forums

 

  UTENTI

Benvenuto, anonimo
Nickname
Password
(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: heavecaptain
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 7963

Persone Online:
Visitatori: 1712
Iscritti: 38
Totale: 1750

Online ora:
01 : babuskin
02 : kansimba
03 : lynx
04 : meerkat
05 : BIESSE
06 : imperator
07 : vic
08 : cardisem
09 : marztala
10: ciafroccolo
11: oriundo2006
12: lanzo
13: Arcadia
14: Eshin
15: luiginox
16: Detrollatore
17: Stodler
18: penta
19: Noumeno
20: kant
21: albsorio
22: Hamelin
23: erwin
24: Stevenson
25: MM
26: dana74
27: cdcuser
28: tao
29: Gioco
30: mystes
31: Rebel69
32: kovacs
33: viviana
34: bysantium
35: spadaccinonero
36: eresiarca
37: albakan
38: Whistleblower
 

 

La netiquette di ComeDonChisciotte: alcune norme minime per la convivenza e il dialogo costruttivo nel sito





UNA PRESENTAZIONE DI TRUMAN BURBANK
 

  LETTURE SEGNALATE

Cassazione a Napolitano: tornare subito al voto

Libertà e Giustizia: Verso la svolta autoritaria

Marco Mamone Capria - Vivisezione: un po' di chiarezza sul dibattito in corso

Perché nessuno stato ha il Credito pubblico?

GZ - Più Moneta Creano più ti Dicono che non ci Sono Soldi

Il Sussidiario - Una nuova mega-bolla finanziaria ci darà la ripresa

Antonio Camuso - Kabul: stragi di piloti e guerre tra contractor

Rigamo - La notte dei Ganzer viventi

Marco Mamone Capria - La scienza in una società democratica

Giulio Sapelli - Col potere ai professori venne l’inverno della nostra civiltà

Bagnai - Crisi finanziaria e governo dell'economia

Petras - Verso dittature tecnocratiche

Zibordi - Come funziona veramente l'economia, e la crisi italiana

 

 

Alfabeta2

andreacarancini.blogspot.it

Animal Station

Appello al Popolo

ArruotaLibera

Alberto Bagnai

Carlo Bertani

Bye Bye Uncle Sam

Cado In Piedi

Campo Antimperialista

Franco Cardini

Carmilla Online

Marco Cedolin

Civium Libertas

Clarissa

Cloroalclero

Cobraf

COMIDAD

Conflitti e Strategie

Da Dietro Il Sipario

Decrescita Felice

Democratic Nutrition

Doppio Cieco

Eddyburg

Eurasia

Free Animals

Geopolitica

Geopoliticamente

Giornale del Ribelle

Fulvio Grimaldi

Iceberg Finanza

Io Non Sto Con Oriana

Karlmarxplatz

Kelebleker

Libre Idee

Loop on Line

Domenico Losurdo

Mainstream

Antonio Mazzeo

Megachip

Nazione Indiana

Nena News

Nogeoingegneria.com

L’Orizzonte degli Eventi

Eugenio Orso

Palestina Libera!

I Quaderni di Truman

Rinascita

Rischio Calcolato

Salamelik

Selvas

Senza Soste

Sinistra In Rete

Sollevazione

Tlaxcala

Veganzetta

La Voce delle Voci

La Voce del Ribelle

Voci Dalla Strada

Voci Dall'Estero

 

 





 

 

Alainet.org

Argenpress

Cubadebate

Daniel Estulin

Gara

Percy Francisco Godoy

InSurGente

La Haine

Kaos en la Red

La Jornada

Alberto Montero

Vicenç Navarro

Nueva Tribuna

Pagina/12

Rebelion

Sinpermiso

Adrian Salbuchi

Sur y Sur

Tercera Informacion

Visiones Alternativas

Rodolfo Walsh

 

 
  Italia Cinema: LA FEROCIA LIBERATORIA DE "IL CAPITALE UMANO" DI PAOLO VIRZI'

DI CHRISTIAN RAIMO
nazioneindiana.com

Negli anni della sedicente rinascita della commedia (i Brizzi, i Genovese, i Miniero, i Bruno), finalmente un film italiano riprende lo spirito originario della commedia all’italiana – quella ferocia autodiretta e quella disperazione che segnarono (con Il sorpasso e Io la conoscevo bene da una parte dello spettro temporale, e Un borghese piccolo piccolo e La terrazza dall’altra) una specie di controstoria morale del nostro Paese: un’Italia che si disfece del fascismo solo di facciata per reindossarlo immediatamente sotto la maschera della Democrazia Cristiana, diede vita a una borghesia immorale e moralista, si fece vanto del peggior familismo premoderno, e in nome dell’illusione perenne di diventare una nazione adulta si tramutò invece nella patria di un rovinoso infantilismo. Un Paese che uccise i più giovani e i più innocenti – una Adriana Astarelli di Io la conoscevo bene o un Roberto Mariani del Sorpasso – e lasciò sopravvivere chi aveva perduto qualsiasi anima.

 
 
  Postato da davide il Domenica, 12 gennaio @ 05:40:00 GMT (4003 letture)
Leggi Tutto... | 8829 bytes aggiuntivi | 3 commenti | Voto: 0
 

 
  Economia Cinema: GOLDMAN SACHS, LA BANCA CHE DIRIGE IL MONDO

DI RICCARDO STAGLIANO'
minimaetmoralia.it

I governi passano, Goldman Sachs resta. A un certo punto del documentario c’è qualcuno che lo dice. Non è un’iperbole, ma l’impietoso punteggio della partita attuale tra economia e politica. Vince la finanza, perdono tutti gli altri. E sul podio, da oltre un secolo, c’è sempre la banca fondata a New York nel 1869 dal tedesco Marcus Goldman che poi si assocerà con il genero Samuel Sachs. Più ricca dell’Arabia Saudita. Più potente di Obama. Più omertosa dei corleonesi. Il che rende particolarmente interessante Goldman Sachs: la banca che dirige il mondo, il film del francese Jérôme Fritel che sarà presentato per la prima volta in Italia al Premio Ilaria Alpi. «Non mi era mai successo di ottenere il novanta per cento di rifiuti a richieste di interviste» confessa il regista al telefono dalla Corsica. «Su oltre trecento tentativi ne abbiamo girate una quarantina, per poi tenerne la metà. E molti di quelli che avevano già parlato nel libro di Marc Roche, il mio punto di partenza, hanno acconsentito a farlo di nuovo solo lontano dalla telecamera. Il fatto è che, una volta entrato nell’azienda, non ne esci veramente mai». Quel gessato è per sempre.
 
 
  Postato da davide il Mercoledì, 18 settembre @ 12:32:03 BST (4863 letture)
Leggi Tutto... | 8300 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Voto: 0
 

 
  Usa Cinema: HOLLYWOOD E IL PASSATO (SPIELBERG VS TARANTINO)

DI GILAD ATZMON
counterpunch.org

Si pensa comunemente che la storia sia un tentativo di produrre un racconto strutturato del passato. La storia ha il compito di trasmetterci fatti realmente accaduti, ma nella maggior parte dei casi non lo porta a termine. In realtà, tale disciplina è concepita per celare la nostra vergogna, per adombrare i vari elementi, eventi, incidenti e avvenimenti che non abbiamo saputo affrontare in passato. La storia, quindi, può essere considerata come un meccanismo di dissimulazione.
Di conseguenza, il ruolo dello storico vero e proprio è simile a quello dello psicoterapeuta: entrambi mirano a svelare ciò che è represso. Lo psicoterapeuta agisce sull’inconscio. Lo storico, invece, si occupa del nostro disonore collettivo.
 
 
  Postato da Truman il Mercoledì, 13 marzo @ 16:10:00 GMT (3887 letture)
Leggi Tutto... | 16585 bytes aggiuntivi | 4 commenti | Voto: 0
 

 
  Filosofia Cinema: ZERO DARK THIRTY: IL REGALO DI HOLLYWOOD AL POTERE AMERICANO

DI SLAVOJ ŽIŽEK
The Guardian

Molti hanno sottolineato che il film di Kathryn Bigelow approva la tortura. Ma perché un film simile è stato fatto ora?

Ecco come, in una lettera al Los Angeles Times, Kathryn Bigelow ha giustificato come Zero Dark Thirty mostri dei metodi di tortura utilizzati dagli agenti del governo per catturare e uccidere Osama bin Laden:
"Quelli di noi che lavorano nelle arti sanno che la rappresentazione non è approvazione. Se così fosse, nessun artista sarebbe in grado di dipingere le pratiche disumane, nessun autore potrebbe scriverne, e nessun regista potrebbe approfondire i temi spinosi della nostra epoca."
 
 
  Postato da Truman il Domenica, 27 gennaio @ 20:20:00 GMT (4525 letture)
Leggi Tutto... | 6137 bytes aggiuntivi | 16 commenti | Voto: 0
 

 
  Informazione Cinema: La “TRIPLICE FRONTIERA", LA FINZIONE CHE PREPARA L'INVASIONE

DI MARTIN GRANOVSKY
El Correo

Katherine Bigelow è ossessionata da quest'argomento. L'anno scorso ha vinto il premio Oscar con “The Hurt Locker” come miglior film e come miglior regia, ambientato tra le esplosioni delle bombe della guerra in Iraq. Esaltata, la regista californiana vuole girare un altro film in mezzo alle granate. Il protagonista sarà Tom Hanks e si svolgerà nella “triplice frontiera”, questo luogo 'misterioso' che riunisce in un stesso punto i confini di Paraguay, Argentina e Brasile. (E non a caso è anche la zona geografica della falda acquifera Guarani).
Il cinema, come ogni finzione, può prendersi ogni libertà. E al pubblico verrà concesso il diritto di pensare. Come direbbe Oscar Wilde, il problema non sorge quando l'arte imita la realtà, ma quando la realtà imita l'arte.

Dopo aver riletto i dispacci di Wikileaks, la “triplice frontiera” appare come una delle grandi preoccupazioni della diplomazia e dell'informazione degli Stati Uniti. Il timore non è rivolto tanto alla città argentina di Puerto Iguazù, né a quella brasiliana di Foz do Iguaçú, ma a quella del Paraguay Ciudad del Este, l'antica Puerto Stroessner.
 
 
  Postato da davide il Venerdì, 23 dicembre @ 03:50:20 GMT (4457 letture)
Leggi Tutto... | 5001 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Voto: 0
 

 
  Usa Cinema: IL BENE NON TRIONFA E NON C’È GIUSTIZIA

DI RANDY SHIELDS
Dissident Voice

Il film “Blow Out” di Brian De Palma 30 anni dopo.

Il 21 luglio scorso è ricorso il trentennale dell’uscita del thriller politico-cospirativo "Blow Out" diretto da Brian De Palma, che ha come protagonisti John Travolta, Nancy Allen e John Lithgow. La critica elogiò De Palma per l’abile intreccio di riferimenti ad altri registi, film ed eventi realmente accaduti, ma il pubblico si spense davanti al devastante e triste finale. Come profano del cinema, non sono così interessato al virtuosismo cinematografico di De Palma e sono convinto che la critica non abbia mai compreso il perché questo film sia così potente: è un profondo e devastante attacco all’America. Le numerose similitudini e le poche differenze tra il film e la situazione politica attuale vanno prese in considerazione.

AVVISO IMPORTANTE! Rivelerò il finale di “Blow Out”; se non l’hai ancora visto e hai intenzione di farlo, non proseguire nella lettura di questo articolo.
 
 
  Postato da marcoc il Lunedì, 25 luglio @ 21:00:00 BST (2846 letture)
Leggi Tutto... | 12188 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0
 

 
  Informazione Cinema: LA RIVINCITA DEI NERDS

DI LEONARDO GARCIA TSAO
La Jornada

Non avrebbe potuto essere più opportuno l’uscita del film “The social network”, dopo lo scandalo di Wikileaks e la nomina di Mark Zuckeberg, creatore di Facebbok, a “Uomo dell’anno”, per la rivista “Time”. L’ubiquità attuale di internet e l’importanza che assume nella vita quotidiana, necessitava di una visione cinematografica pensante. Di sicuro il progetto è finito in buone mani. David Fincher è riuscito a prescindere l’effetto visivo e la truculenta dei suoi inizi e, come ne “Lo Zodiaco” (2007), ha realizzato una minuziosa cronaca di un fenomeno sociale sminuendo i suoi responsabili.

Ancora una volta, l’intelligenza è utilizzata in modo negativo. Zuckeberg non è un serial killer, nemmeno un genio del male. Ma il personaggio , interpretato in maniera verosimile da Jesse Eisenberg, utilizza le sue doti intellettuali con una posa insopportabile di arroganza e superiorità che lo fanno sentire al di sopra della legge e di qualsiasi altro principio etico.

La prima scena di “The social network”, un prologo anteriore ai suoi crediti, contiene la chiave di lettura di Zuckeberg. Durante un’accesa discussione con la sua incipiente fidanzata, Erica Albright (Rooney Mara), il giovane spiega quali siano i suoi propositi per entrare nell’esclusivo club dell’università di Harvard, con un tono acquiescente che dà per scontato l’inferiorità della ragazza. In un attacco di dignità, lei lo manda al diavolo con una frase di peso : “non è che tu non attragga le ragazze perché sei un tecno-nerd, è solo perché sei un imbecille”.

 
 
  Postato da davide il Domenica, 02 gennaio @ 10:30:00 GMT (3022 letture)
Leggi Tutto... | 5650 bytes aggiuntivi | 4 commenti | Voto: 0
 

 
  Varie Cinema: CINEMA: “THE ROAD” E “2012”

DI BRIAN KALLER
Restoring Mayberry

Hollywood ha un enorme potere sulla percezione del mondo da parte del pubblico – Ghandi è uno dei miei eroi, ma quando me lo immagino mi viene in mente Ben Kingsley. Noi invece vogliamo che il pubblico rifletta e sia preparato ad un futuro difficile. Quindi dovremmo prestare attenzione alle produzioni Hollywoodiane che parlano di come potrebbe essere il domani.

Sfortunatamente l’immagine che Hollywood ci dà dell’avvenire è di solito abbastanza triste: quasi tutti i negozi di film hanno una sezione che si chiama “horror-science fiction”, a dimostrare che il futuro che mostrano è abbastanza spaventoso. Solo negli ultimi anni sono state girate pellicole come The Book of Eli, The Road, 2012, I Am Legend, Children of Men, 28 Weeks Later, Resident Evil, Terminator, film e serie televisive, e anche Wall-E, il primo film per bambini di ambientazione post-apocalittica.
 
 
  Postato da marcoc il Giovedì, 27 maggio @ 17:10:00 BST (6686 letture)
Leggi Tutto... | 12269 bytes aggiuntivi | 23 commenti | Voto: 0
 

 
  Filosofia Cinema: STUCCHEVOLE, FORSE. MA AVATAR E' UN FILM PROFONDO

IMPORTANTE E CHE DA' DA PENSARE

DI GEORGE MONBIOT
guardian.co.uk

Avatar, lo strepitoso film in 3-D di James Cameron, è profondo e al tempo stesso profondamente insulso. Profondo perché, come la maggioranza dei film sugli alieni, è una metafora sul contatto fra culture diverse. Ma in questo caso la metafora è cosciente e precisa: questa è la storia dello scontro fra gli Europei e le popolazioni native dell’America. È anche profondamente insulso perché architettare un lieto fine richiede un impianto narrativo così stupido e prevedibile da far perdere di vista il pathos intrinseco del film. La sorte dei nativi americani è molto più aderente a quel che la storia racconta in un altro recente film, The Road, nel quale i sopravvissuti fuggono in preda al terrore, votati come sono all’estinzione.

Ma questa è una storia che nessuno vuole sentire, poiché rappresenta la sfida al modo in cui noi scegliamo di essere noi stessi. L’Europa è stata massicciamente arricchita dai genocidi nelle Americhe; e sui genocidi si fondano le nazioni americane. Questa è una storia che non possiamo accettare.

A seguito, "Avatar, quando i kolossal sono storie che insegnano a pensare in grande" (Adriano Scianca, secolo.it);
 
 
  Postato da davide il Mercoledì, 20 gennaio @ 16:10:00 GMT (9174 letture)
Leggi Tutto... | 10435 bytes aggiuntivi | 30 commenti | Voto: 0
 

 
  Storia Cinema: NUOVO CINEMA PARACULO: BARBAROSSA

DI ALESSANDRO BERTANTE
nazioneindiana.com

L’occasione è di quelle da non farsi sfuggire. Due biglietti per la faraonica anteprima di Barbarossa, il kolossal padano che narra l’epico scontro fra i comuni lombardi, capitanati da Alberto da Giussano, e l’imperatore tedesco Federico I Hohenstaufen. Tanto più che negli ultimi mesi si è fatto un gran parlare di questo film, fortemente voluto da Umberto Bossi – che grazie alla mitologia di Pontida ha costruito parte della sua fortuna politica – coprodotto da Rai Fiction e Rai Cinema, girato da Renzo Martinelli e costato circa 30 milioni di dollari, una cifra enorme per una produzione italiana.

La sede scelta per l’anteprima è niente meno che il Castello Sforzesco di Milano, addobbato a festa come un panettone medievale. C’è polizia ovunque perché si vocifera che si presenti anche il premier. Con il mio amico scrittore che mi accompagna in questa escursione “lumbard”, noialtri si arriva nello stesso momento di Bobo Maroni.
 
 
  Postato da davide il Venerdì, 09 ottobre @ 14:31:34 BST (6901 letture)
Leggi Tutto... | 5813 bytes aggiuntivi | 21 commenti | Voto: 0
 

 
  Italia Cinema: IL CINEMA ITALIANO E LA SINISTRA: RISCOPRENDO IL REGISTA ROBERTO ROSSELLINI

DI GAITHER STEWART
onlinejournal.com

La storia di Roberto Rossellini è una storia molto italiana, che riguarda l’Italia nel cambiamento dal periodo fascista, che va oltre la sua esistenza, fino al 2009. Sebbene l’Europa non sia Europa senza l’Italia, la storia di Rossellini, nel più stretto senso, è una storia molto italiana; non una storia europea. Perché l’Italia, separata dal resto dell’Europa dalle Alpi, è, e forse lo è sempre stata, qualcosa a parte, ancora oggi considerata dai nord europei un posto esotico verso cui fuggire. Come è comunemente detto, l’Italia è un posto meraviglioso da visitare, ma un inferno per viverci. La storia di Roberto Rossellini ha a che fare con questo paradosso. Leggi Roberto Rossellini e pensa all’Italia degli ultimi 75 anni.

Nella foto: Roberto rossellini e Ingrid Bergman
 
 
  Postato da davide il Mercoledì, 23 settembre @ 19:00:00 BST (5793 letture)
Leggi Tutto... | 44493 bytes aggiuntivi | 3 commenti | Voto: 0
 

 
  Italia Cinema: NEL NOME DEL POPOLO ITALIANO

DI H.S.
comedonchisciotte.org

Spesso… troppo spesso ci affidiamo alle parole per esporre la nostra visione dei fatti ed attribuire un significato ad eventi e situazioni. La verità è che le parole sono come le fibre di un vestito troppo stretto per essere indossato dalla realtà che ci circonda. Il campo semantico possiede un’estensione troppo minuscola per venire coincidere con la complessità del reale. Quando scriviamo , quando traduciamo con l’inchiostro le nostre prospettive , quando realizziamo i nostri piccoli articoli e i nostro piccoli saggi rimane sempre un che di incompiuto e di irrisolto. La pubblicistica , gli articoli e post , per quanto ben elaborati e congegnati mantengono spesso un carattere fondamentalmente asettico e qualche volta abbiamo pure l’impressione di una decontestualizzazione dei fatti , della forse inconsapevole eliminazione di pulsioni nascoste ma pure ben presenti. E’ come dipingere un quadro totalmente astratto fatto di colori reali ma informi , privi di vera sostanza e perciò concreta.
 
 
  Postato da davide il Sabato, 07 marzo @ 04:46:48 GMT (5709 letture)
Leggi Tutto... | 17964 bytes aggiuntivi | 13 commenti | Voto: 0
 

 
  Usa Cinema: DARK (K)NIGHT

DI JAMES HOWARD KUNSTLER
Clusterfuck Nation

Ciò che più colpisce nel nuovo film di Batman, che sta polverizzando tutti i record di botteghino, è l'enfasi posta sugli aspetti sadomasochistici che attualmente imperversano nella cultura americana. È una scelta destinata a sollecitare l'interesse di quegl'individui furiosi che nel nostro paese vogliono ferire gli altri, anche quando si sentono essi stessi meritevoli delle peggiori punizioni. In altre parole, il quadro riflette l'estrema perversione morale dell'attuale stato d'animo americano. Vedere tutto in rovina intorno a sé permette di confermare la confusa percezione emozionale, e quindi gratificante, in tutta la sua miseria.

Il ricco simbolismo dello spettacolo dipinge la situazione odierna degli USA come una realtà di gran lunga peggiore di quella creata dai Nazisti nel 1933. Non c'è niente che ci piaccia più che vedere gli altri soffrire e andare in pezzi: e quanto più lentamente la gente (inclusi gli spettatori) viene torturata tanto più raffinato è il piacere che ne ricaviamo. La civiltà non offre nessun conforto; in effetti è uno sporco gioco. La civiltà si compone quindi solo di torturatori e vittime.

Gotham City, dove si svolgono tutte le attività sadomasochistiche, è una città priva di comfort (mancano completamente i quartieri periferici residenziali). Anche i rifugi personali di "Batman", cioè del multimiliardario Bruce Wayne, sono non-spazi per un nevrotico.
 
 
  Postato da marcoc il Lunedì, 18 agosto @ 19:00:00 BST (3366 letture)
Leggi Tutto... | 6942 bytes aggiuntivi | 6 commenti | Voto: 0
 

 
  Italia Cinema: GOMORRA RELOADED

DI ANDREA TARABBIA
Il primo amore

L'assunto da cui parto è che c'è bisogno di Gomorra, non solo in Italia, non solo in libreria.

Quando ho saputo, circa un anno fa, che facevano un film dal libro di Saviano, una delle prime cose che ho pensato è stata: «Ma come diavolo si fa a fare un film da quel libro lì? Che cosa si racconta? Come si fa a mostrare quello che il libro mostra? Come si fa a mantenere, in una sequenza di immagini, la stessa forza civile e riflessiva della parola?». Gomorra – il libro – è per me irrappresentabile, nel senso che non sono riuscito mai, in tutti questi mesi, a immaginarmi la possibilità di una narrazione che fosse vergine delle accensioni di Saviano, delle sue requisitorie, della nudità della sua lingua e dalle sue tremende liste, l'accumulo di dati, il folklore pacchiano raccontato da un punto di vista che è sì sociale e comune, ma che ci è restituito talmente dall'interno che non riuscivo a intravedere la possibilità di una narrazione diversa e laterale. Insomma: un boss tamarro è un boss tamarro, e fin qui, si fa per dire, tutto normale; ma un boss tamarro raccontato e interiorizzato da Saviano è qualcosa di più: è un boss decostruito, umanizzato e reso vivo e terribile da uno sguardo, quello del narratore, che è lo sguardo di un uomo che avrebbe potuto lavorare per lui e ha deciso di stare dall'altra parte della barricata.
 
 
  Postato da davide il Mercoledì, 21 maggio @ 05:55:06 BST (3245 letture)
Leggi Tutto... | 8762 bytes aggiuntivi | 4 commenti | Voto: 0
 

 
  Usa Cinema: LA GUERRA DI CHARLIE WILSON (UNA COMMEDIA IMPERIALISTA)

Aprite il libro di Steve Coll, abilmente intitolato Ghost Wars: The Secret History of the CIA, Afghanistan, and Bin Laden, from the Soviet Invasion to September 10, 2001 [Fantasmi di Guerra: La Storia Segreta della CIA, dell’Afghanistan e di Bin Laden, dall’Invasione Sovietica al 10 Settembre 2001] e in quasi ogni pagina potreste trovare dei riferimenti che si prendono gioco del film La Guerra di Charlie Wilson. A pagina 90, ad esempio, si parla del celebrato dirigente CIA dell’epoca, William Casey, il “Cattolico Cavaliere di Malta istruito dai Gesuiti”, il quale “credeva ardentemente che favorendo la diffusione delle conquiste e del potere della Chiesa Cattolica egli avrebbe potuto in qualche modo contenere l’avanzata del comunismo o addirittura rovesciarla”. E, se la Chiesa non fosse riuscita in ciò, come nell’Afghanistan degli anni ’80, allora la seconda alternativa, secondo Casey, erano i guerriglieri islamici della jihad, possibilmente i più estremisti, con i quali, nel suo anticomunismo religioso, egli credeva di avere molto in comune. (Il nemico del mio nemico è mio amico, dopo tutto). Infatti, Casey era uno jihadista americano, che negli anni ’80 desiderava non solo la sconfitta dei sovietici in Afghanistan ma voleva spingere “la jihad afgana proprio all’interno della Russia”. La sua CIA, se da un lato promuoveva attività come tradurre il Corano in uzbeko (essendo l’Uzbekistan all’epoca uno stato dell’Unione Sovietica), dall’altro convogliava regolarmente, attraverso il servizio d’intelligence pakistano, un largo traffico di armi tecnologicamente avanzate verso le frange più estremiste (e, anche, anti-americane) degli jihadisti afgani.
 
 
  Postato da comedonchisciotte il Giovedì, 07 febbraio @ 18:00:00 GMT (3408 letture)
Leggi Tutto... | 26076 bytes aggiuntivi | 7 commenti | Voto: 0
 

 
  Usa Cinema: MICHAEL MOORE IN ITALIANO

DI GIANLUCA FREDA
Blogghete!

Sicko di Michael Moore è il documentario che vorrei far vedere a tutti coloro che ci hanno raccontato per anni che gli Stati Uniti erano il paese più rispettoso dei diritti umani del mondo, un vero faro di democrazia. Vorrei sbatterli col muso sullo schermo e pagargli un biglietto di sola andata per la felice terra dei loro sogni.

Sicko è il documentario che vorrei far vedere a chi sputa sul comunismo senza mai fermarsi un attimo a riflettere su quanto gli dobbiamo. Senza un influsso socialista sull’Europa oggi saremmo ridotti come i pazienti americani: buttati a morire per strada (no, non è un luogo comune, ma la pura realtà, come sa chi ha visto il film) quando non hanno una tessera dell’assicurazione sanitaria. E anche quando ce l’hanno, perché le compagnie d’assicurazione inventano mille cavilli per negare ai loro assicurati le spese per le cure che sarebbero loro dovute.
 
 
  Postato da carlo il Giovedì, 05 luglio @ 12:41:40 BST (6301 letture)
Leggi Tutto... | 2622 bytes aggiuntivi | 12 commenti | Voto: 4.37
 

 
  Iran Cinema: LO SCIALBO "300" : AVVENTURISMO ARTISTICO O TERRORISMO CULTURALE?

DI SHIRZAD AZAD
Online Journal

L'Occidente ha una lunga storia nell'indicare altre nazioni come arretrate e sé stesso come grande civiltà e modello di progresso. In quanto leader e massimi rappresentanti della civiltà occidentale, gli Stati Uniti hanno entusiasticamente proseguito questa tradizione attraverso la sua mafia sforna-film, Hollywood, e, dopo avere colpito molte altre nazioni, compresi Africani, Indiani, Cinesi e Giapponesi, di recente hanno rivolto la loro attenzione agli Iraniani.

È un fatto evidente che la storia è sempre scritta dai vincitori. Purtroppo, a causa di un passato turbolento, non solo altre nazioni ma anche una gran parte degli Iraniani stessi non hanno una conoscenza esatta e senza distorsioni della storia antica dell'Iran, chiamato Persia.

Dall'invasione della Persia da parte degli arabi musulmani nel 651 d.C., molti degli stati e dei sistemi che gli Iraniani hanno dominato e governato hanno ritratto il loro antico bagaglio culturale praticamente nella stessa maniera del regista Zach Snyder nel film "300" e molte delle loro opere storiche hanno trattato la civiltà iraniana pre-Islamica quasi allo stesso modo del racconto di Frank Miller.
 
 
  Postato da marcoc il Sabato, 31 marzo @ 19:00:00 BST (8528 letture)
Leggi Tutto... | 5595 bytes aggiuntivi | 4 commenti | Voto: 3.25
 

 
  Africa Cinema: HOTEL RUANDA

di KEITH HARMAN SNOW [*]

Che cosa è accaduto in Ruanda nel 1994 ? L’opinione diffusa è che si sia verificato un genocidio calcolato a causa dell’animosità tribale profondamente presente tra la tribù a maggioranza hutu al potere e la minoranza tutsi. Secondo questa storia, almeno 500.000 e forse 1,2 milioni di tutsi – e alcuni hutu moderati – furono spietatamente eliminati in pochi mesi, la maggior parte uccisi col machete. Gli assassini in questa versione furono gli estremisti hutu delle Forze Armate Ruandesi, l’esercito hutu, appoggiato dalle famigerate e disumane milizie Interahamwe – “quelli che uccidono ininterrottamente”.
 
 
  Postato da olimpia il Lunedì, 27 marzo @ 21:15:00 BST (5012 letture)
Leggi Tutto... | 59520 bytes aggiuntivi | 6 commenti | Voto: 2.5
 

 
  Informazione Cinema: PERVERSO "SYRIANA"

Informazione, diversivo o propaganda?

DI MIREILLE BEAULIEU

I film con grande successo di pubblico veicolano rappresentazioni della politica internazionale che possono influenzare le opinioni di milioni di spettatori nel mondo. Reseau Voltaire inizia oggi la pubblicazione di una serie di articoli che mettono in luce questa dimensione della produzione cinematografica. Mireille Beaulieu analizza il percorso sottinteso dal thriller politico “Syriana”, di Stephen Gaghan e prodotto da George Clooney, opera non sprovvista di ambiguità malgrado un involucro di contestazione. Così, la denuncia della dipendenza USA dal petrolio si accompagna ad un’implicita convalida dei principi della “guerra al terrorismo”.
 
 
  Postato da davide il Martedì, 28 febbraio @ 19:45:00 GMT (6182 letture)
Leggi Tutto... | 32375 bytes aggiuntivi | 2 commenti | Voto: 4.2
 

 
  Israele / Palestina Cinema: 'MONACO': KILLER ISRAELIANI UMANIZZATI E PALESTINESI DISUMANIZZATI

Coperture e bugie di Spielberg

Chi fa rappresaglia contro chi nel conflitto arabo-israeliano? Questa è la domanda

DI AS’AD ABUKHALIL

Questa pellicola mi ricorda una battuta che il commediografo George Carlin ha usato spesso nelle sue commedie e che fa più o meno così: "Perchè denominiamo i terroristi israeliani 'commando', e i commando palestinesi ‘terroristi’?" La sua domanda non ha mai fatto ridere nelle due volte che l’ho visto davanti ad un pubblico, dal vivo.
La tesi di fondo del film di Spielberg è semplice, nonostante le ostentazioni: gli assassini israeliani sono gente coscienziosa ed umanitaria, mentre i palestinesi sono sempre – caschi il mondo – malvagi assassini.
 
 
  Postato da comedonchisciotte il Martedì, 07 febbraio @ 20:15:00 GMT (6154 letture)
Leggi Tutto... | 31913 bytes aggiuntivi | 11 commenti | Voto: 5
 

 

GLI ARTICOLI POSTATI DAGLI UTENTI

miopia

 

CARO PUTIN TI SCRIVO . . .

LA III GUERRA IN IRAQ, STAVOLTA SENZA TAMBURI. UN MOTIVO C'È 

TESTO INTEGRALE DEL DISCORSO DI IZZAT IBRAHIM AL DOURI 

OLTRE I MONDIALI DI CALCIO. BRASILE: TEMPO DI VITTORIA E DI SCONFITTA 

GLI USA HANNO PERSO IL FRONTE MEDIORIENTALE

CIRO, E I MEDIA ROVESCIANO LE PARTI

LIBIA. IL NAUFRAGIO DELL'EUROPA 

SE NON VOLETE DENUNCIARE LE DINAMICHE DEL POTERE RESTATE A FARE GLI ECONOMISTI

LA RICERCA SCIENTIFICA

ARS INVITA ALLA III ASSEMBLEA NAZIONALE - ROMA

I MAGGIORDOMI CLOROFORMIZZATI D’EUROPA

LA PRODUZIONE MONDIALE DI GREGGIO DEL 2013 SENZA LO SHALE È LA STESSA DEL 2005 

SFATIAMO OTTO MITI ENERGETICI


 
 

 

Giovedì, 26 gennaio
· I DIECI FILM CHE SPIELBERG DEVE ANCORA FARE
Domenica, 14 agosto
· IL CINEMA E LA SICUREZZA NAZIONALE
Domenica, 27 febbraio
· RICHARD OXMAN: ''L'OSCAR AI TEMPI DI GUERRA''
Domenica, 06 febbraio
· COME TI STRAVOLGO IL MITO DEL CONQUISTATORE MACEDONE
Mercoledì, 22 dicembre
· POLAR EXPRESS, DESTINAZIONE: L'INCUBO
 

 

Activist Post

Agence Global

AlterNet

American Free Press

AntiWar

Asia Times

Awaken In The Dream

Axis of Logic

Billy Blog

Bloomberg

Business Insider

Cepr

Club Orlov

Clusterfuck Nation

Common Dreams

Countercurrents

Counterpunch

Daily Bell

Dandelion Salad

Dissident Voice

Earth Hope Network

Ecomonitor

End of the American Dream

End the Lie

Energy Bulletin

Europe

Chris Floyd

Geopolitics-Geoeconomics

Global Research

Idaho Observer

Information Clearing House

Iraq War

Keep Talking Greece

Killing Hope (William Blum)

Land Destroyer

Lew Rockwell

Media Lens

Moon of Alabama

Mark Morford

Mother Board

The Nation

Natural News

News Target

OpEd News

James Petras

Poor Richard!

Prison Planet

Project Censored

Raw Story

Real Currencies

Red Ice Creations

Rense

Russia Today

Lars Schall

Sott

Speaking Truth To Power

Strategic Culture

Matt Taibbi

Taki's Mag

Webster Tarpley

Telegraph Blogs

Testosteronepit

Thirteen Monkey

Tom Dispatch

Truth-out

Truth Seeker

21st Century Wire

Uruknet

Washington's Blog

What's Left? (Stephen Gowans)

Who What Why

Xymphora

Zero Hedge

 

 

Acrimed

A l'Econtre

Alterinfo

Article 11

Basta!

Gilles Bonafi

Cadtm

Silvia Cattori

Michel Collon

Contretemps

Le Courrier

Dedefensa

Diploweb

Egaliteetreconciliation

Greek Crisis

Infoguerre

L'Humanité

Marianne-en-ligne

Metropolitiques

Mondialisation.ca

Blog Monde Diplomatique

Pambazuka

Questions Critiques

Reflets

Reporterre

Réseau Voltaire

Rezo

Terrains de Luttes

 


 
  La redazione non esercita un filtro sui commenti dei lettori. Precisa che gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori degli stessi e che in nessun caso comedonchisciotte.org potrà essere considerato responsabile per commenti lesivi dei diritti di terzi. La redazione informa che verranno immediatamente rimossi:

- messaggi non concernenti il tema dell'articolo
- messaggi offensivi nei confronti di chiunque
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisca una violazione delle leggi vigenti (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)




Disclaimer A meno di avvisi di particolari (articoli con diritti riservati) il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità.

Il logo del sito (adattato da xkcd.com) è rilasciato con licenza creative commons.