Welcome to Come Don Chisciotte
 
 

  USER PANEL

. Home
. Archivio per Data
. Cerca
. Il Forum
. Il Tuo Profilo
.
Messaggi Privati
. Pubblica
. Segnala Questo Sito
 

 

GLI ARTICOLI POSTATI NEL FORUM

entra nei forum

. Notizie dal mondo

. Notizie dall'Italia

. Opinioni

. Segnalazioni

. Cinema

. Libri

 

  FORUM: ULTIMI ARTICOLI


 D'Alema invade le bacheche degli utenti Facebook.
 Grecia:wikileaks,Merkel sapeva nel 2011 insostenibilita debi
 Grecia:spese militari folli su ordine Germania e FMI
 Si è dimesso Yanis Varoufakis!
 Il mio auspicio dunque...
 Russia:le «intimidazioni» contro la Grecia
 Cuba-Usa,un farmaco anti-cancro alla base del disgelo?
 Independence Day
 Il mistero del EUR USD
 Draghi dia liquidità,affamare Grecia non conviene
 Una stimolante opportunità per Varoufakis
 Bari, scabbia tra medici e infermieri dell'ospedale
 Prime reazioni mercati
 Referendum greco: è l'inizio della fine
 Di Maio - Qui Atene. Piazza Syntagma

Come Don Chisciotte Forums

 

  UTENTI

Benvenuto, anonimo
Nickname
Password
(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: JPM
News di oggi: 1
News di ieri: 0
Complessivo: 8490

Persone Online:
Visitatori: 1779
Iscritti: 48
Totale: 1827

Online ora:
01 : whugo
02 : fuser1500
03 : PietroGE
04 : natascia
05 : Eshin
06 : yago
07 : Georgejefferson
08 : Gracco
09 : ivi
10: luis
11: MM
12: meerkat
13: salvio92
14: coraggio90
15: Sickboy
16: temuchindallaCina
17: ottavino
18: porompollo
19: poisonedtooth
20: trigone
21: Dancingjulien
22: pippo74
23: GhinodiSola
24: rossland
25: albertoconti
26: andriun
27: oggettivista
28: SCIFRAROC
29: fervorino
30: prischia
31: stodler
32: sm
33: Rosanna
34: omega86
35: toussaint
36: oriundo2006
37: mago
38: Caleb367
39: GiovanniMayer
40: massi
41: Caprone
42: The_Essay
43: rasna
44: kovacs
45: Destouches
46: glab
47: Primadellesabbie
48: spartan3000_it
 

 

La netiquette di ComeDonChisciotte: alcune norme minime per la convivenza e il dialogo costruttivo nel sito





UNA PRESENTAZIONE DI TRUMAN BURBANK
 

  LETTURE SEGNALATE

Crocifissioni riprese dallo smartphone. Antropologia politica di Isis

Cassazione a Napolitano: tornare subito al voto

Libertà e Giustizia: Verso la svolta autoritaria

Marco Mamone Capria - Vivisezione: un po' di chiarezza sul dibattito in corso

Perché nessuno stato ha il Credito pubblico?

GZ - Più Moneta Creano più ti Dicono che non ci Sono Soldi

Il Sussidiario - Una nuova mega-bolla finanziaria ci darà la ripresa

Antonio Camuso - Kabul: stragi di piloti e guerre tra contractor

Rigamo - La notte dei Ganzer viventi

Marco Mamone Capria - La scienza in una società democratica

Giulio Sapelli - Col potere ai professori venne l’inverno della nostra civiltà

Bagnai - Crisi finanziaria e governo dell'economia

Petras - Verso dittature tecnocratiche

 

 

Alfabeta2

andreacarancini.blogspot.it

Animal Station

Appello al Popolo

ArruotaLibera

Alberto Bagnai

Carlo Bertani

Bye Bye Uncle Sam

Cado In Piedi

Campo Antimperialista

Franco Cardini

Carmilla Online

Marco Cedolin

Civium Libertas

Clarissa

Cloroalclero

Cobraf

COMIDAD

Conflitti e Strategie

Da Dietro Il Sipario

Decrescita Felice

Democratic Nutrition

Doppio Cieco

Eddyburg

Eurasia

Free Animals

Geopolitica

Geopoliticamente

Giornale del Ribelle

Fulvio Grimaldi

Iceberg Finanza

Io Non Sto Con Oriana

Karlmarxplatz

Kelebleker

Libre Idee

Loop on Line

Domenico Losurdo

Mainstream

Antonio Mazzeo

Megachip

Nazione Indiana

Nena News

nogeoingegneria.com

Eugenio Orso

Palestina Libera!

I Quaderni di Truman

Rinascita

Rischio Calcolato

Salamelik

Selvas

Senza Soste

Sinistra In Rete

Sollevazione

Tlaxcala

Veganzetta

La Voce delle Voci

La Voce del Ribelle

Voci Dalla Strada

 

 

fratelli

tasse non dovute

fini



 

 

Alainet.org

Argenpress

Cubadebate

Daniel Estulin

Gara

Percy Francisco Godoy

InSurGente

La Haine

Kaos en la Red

La Jornada

Alberto Montero

Vicenç Navarro

Nueva Tribuna

Pagina/12

Rebelion

Sinpermiso

Adrian Salbuchi

Sur y Sur

Tercera Informacion

Visiones Alternativas

Rodolfo Walsh

 

 
  comedonchisciotte :: Leggi il Topic - Hollande applica la terapia d'urto Ó la franšaise
 FAQFAQ   CercaCerca   Gruppi utentiGruppi utenti   ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

Hollande applica la terapia d'urto Ó la franšaise

 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Notizie dal mondo
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Tao
Newbie
Newbie


Registrato: Jul 29, 2005
Messaggi: 31598

MessaggioInviato: Sab Nov 24, 2012 7:59 am    Oggetto: Hollande applica la terapia d'urto Ó la franšaise Rispondi citando

Con gli indici di approvazione di Franšois Hollande che crollano pi¨ rapidamente di qualunque altro Presidente dalla Quinta Repubblica, il governo francese ha annunciato la propria decisione di reindustrializzare il paese, ponendo grande enfasi sulla ricerca e sviluppo e le alte tecnologie. Suona promettente, ma sfortunatamente, come molte altre promesse di Hollande, nel pacchetto c'Ŕ poca industria e molti tagli alla spesa ed altra austeritÓ.

Alla fine il primo ministro Jean-Marc Ayrault ha accettato quasi tutti i punti del "patto per la competitivitÓ dell'industria francese" preparati dall'industriale Louis Gallois e presentati il 5 novembre. La principale misura proposta Ŕ un credito fiscale alle imprese di 20 miliardi di euro tra il 2013 ed il 2015, nella forma di minori contributi sulla fascia salariale fino a 2.5 volte il salario minimo. Secondo Ayrault, questo dovrebbe ridurre i costi del lavoro del 6% in quella fascia e generare dai 300,000 ai 400,000 posti di lavoro entro il 2017.

Al contempo l'IVA aumenterÓ dal 19,6 al 20%, e dal 7 al 10% per i ristoranti e gli alberghi, anche se scenderÓ dal 5,5 al 5% sui generi di base. Questi aumenti, che entreranno in vigore il primo gennaio 2014, uniti ad una tassa ecologica dal 2016, dovrebbero portare nelle casse dello stato la metÓ dei 20 miliardi previsti per le imprese. Gli altri 10 miliardi dovrebbero venire da tagli alla spesa pubblica.

Il problema Ŕ che le imprese non hanno alcun obbligo una volta ottenuti i risparmi. Ayrault sostiene che visto che la riduzione dei costi si applica solo a posti di lavoro poco remunerati, i fondi andranno automaticamente al 25% delle industrie francesi. Ma anche se cosý sarÓ, nessuno obbliga le imprese ed i servizi industriali ad investire soldi nella creazione di posti di lavoro. Potrebbero decidere di usarli per la speculazione.

Di nuovo, sia Ayrault che il rapporto Gallois sottolineano la necessitÓ di investire nell'alta tecnologia come volano per l'industria francese, ma se ci˛ non viene incoraggiato da un'attiva politica dirigistica, Ŕ improbabile che le imprese prendano la decisione di fare investimenti a lungo termine in un quadro dominato dall'incertezza.

╚ evidente che tali investimenti siano necessari. La condizione dell'industria francese, evidenziata dal rapporto Gallois, Ŕ disastrosa. L'industria Ŕ solo il 12,5% del PIL, mentre era il18% nel 2000, e la Francia Ŕ al 15esimo posto nei paesi dell'eurozona, ben dopo Italia, Svezia e Germania.

I margini di profitto dell'industria si sono ridotti, cosý come l'autofinanziamento. La produttivitÓ oraria, anche se resta alta, non Ŕ aumentata negli ultimi dieci anni, perchŔ le macchine utensili, la tecnologia digitale e la robotica non sono al passo. Italia e Germania hanno rispettivamente due e cinque volte pi¨ robot industriali della Francia. Nel settore sanitario, in cui un tempo era all'avanguardia, la Francia usa meno macchine a risonanza magnetica della Spagna. Gli unici settori in cui il paese resta avanti sono i beni di lusso, l'aeronautica, l'energia nucleare, la farmaceutica e la produzione agricola e alimentare.

E mentre l'economia reale Ŕ stata duramente colpita, fioriscono i servizi bancari. Le compagnie di assicurazione avevano un pool di 1.680 miliardi di Euro, ma di questa somma solo 110 miliardi, o il 15%, sono stati investiti in societÓ francesi non finanziarie. Le principali banche sono tra le pi¨ esposte e vulnerabili.

Questo potrebbe spiegare perchŔ Franšois Hollande abbia rinnovato la sua promessa di procedere con la separazione bancaria. Il ministro delle Finanze Pierre Moscovici ha dichiarato che il governo adotterÓ una "rigida" riforma bancaria, oggetto di titoloni sulla stampa europea. In realtÓ, dopo le pressioni della lobby bancaria, tale riforma risulta ancor pi¨ debole delle raccomandazioni fatte dal gruppo Liikanen nell'Unione Europea, con l'aggiunta di un pizzico di Volcker rule, e ben lontana dalla separazione bancaria prevista dalla legge Glass-Steagall di Roosevelt nel 1933.

Fonte:: www.,ovisol.org
23.11.2012
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
ricbo
Ospite





MessaggioInviato: Sab Nov 24, 2012 11:51 am    Oggetto: Rispondi citando

forward this article to Mr. Paolo Rossi Barnard and Mr. Mosley please
Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Notizie dal mondo Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum

Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
 
 

Forums ©

 
 

La redazione non esercita un filtro sui commenti dei lettori. Precisa che gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori degli stessi e che in nessun caso comedonchisciotte.org potrà essere considerato responsabile per commenti lesivi dei diritti di terzi. La redazione informa che verranno immediatamente rimossi:

- messaggi non concernenti il tema dell'articolo
- messaggi offensivi nei confronti di chiunque
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisca una violazione delle leggi vigenti (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)



Cookies: il sito utilizza un numero ridotto di cookies tecnici. Nessuno di essi è usato per tracciare l'utente. Per dettagli leggere qui.


Disclaimer A meno di avvisi di particolari (articoli con diritti riservati) il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità.

Il logo del sito (adattato da xkcd.com) è rilasciato con licenza creative commons.