Welcome to ComeDonChisciotte
 
 

  USER PANEL

. Home
. Archivio per Data
. Cerca
. Il Forum
. Il Tuo Profilo
.
Messaggi Privati
. Pubblica
. Segnala Questo Sito
 

 

GLI ARTICOLI POSTATI NEL FORUM

entra nei forum

. Notizie dal mondo

. Notizie dall'Italia

. Opinioni

. Segnalazioni

. Cinema

. Libri

 

  FORUM: ULTIMI ARTICOLI


 Frontiere militari statunitensi in Italia
 Amore e piombo-Brighton Museum & Art Gallery
 Putin-Stati Uniti: vogliono un mondo destabilizzato
 Pluralismo, democrazia e ideologie
 Bulgaria:dichiarato stato emergenza in alcune zone
 Atene allagata come Genova
 DiMaio:sindacato vero responsabile disastro condiz.lavorator
 Chi si rivede! L’onesto ragioniere di Giannini!
 Giannuli: I progetti di egemonia europea
 Cgil in piazza per evitare la scomparsa
 Utopia e realismo: i miraggi prima del diluvio
 Massa Marittima:profughi protestano,richieste accolte
 Viva Matteo: grande vittoria in Europa
 Elezioni anticipate?
 4 novembre, Draghi finisce "sotto esame"

ComeDonChisciotte Forums

 

  UTENTI

Benvenuto, anonimo
Nickname
Password
(Registrare)
Iscrizione:
più tardi: gaspare66
News di oggi: 0
News di ieri: 2
Complessivo: 8100

Persone Online:
Visitatori: 869
Iscritti: 29
Totale: 898

Online ora:
01 : Rosanna
02 : storpio
03 : Noumeno
04 : kenobi
05 : tao
06 : bdurruti
07 : vic
08 : BIESSE
09 : Iacopo67
10: Denisio
11: stopgun
12: bert53
13: bwv826
14: uomospeciale
15: clack
16: valis
17: atene85
18: cdcuser
19: RenatoT
20: DomaniSera
21: GiovanniMayer
22: Rebel69
23: sanpap
24: giovina
25: vocenellanotte
26: Georgejefferson
27: ferros
28: gioco
29: Ercole
 

 

La netiquette di ComeDonChisciotte: alcune norme minime per la convivenza e il dialogo costruttivo nel sito





UNA PRESENTAZIONE DI TRUMAN BURBANK
 

  LETTURE SEGNALATE

Crocifissioni riprese dallo smartphone. Antropologia politica di Isis

Cassazione a Napolitano: tornare subito al voto

Libertà e Giustizia: Verso la svolta autoritaria

Marco Mamone Capria - Vivisezione: un po' di chiarezza sul dibattito in corso

Perché nessuno stato ha il Credito pubblico?

GZ - Più Moneta Creano più ti Dicono che non ci Sono Soldi

Il Sussidiario - Una nuova mega-bolla finanziaria ci darà la ripresa

Antonio Camuso - Kabul: stragi di piloti e guerre tra contractor

Rigamo - La notte dei Ganzer viventi

Marco Mamone Capria - La scienza in una società democratica

Giulio Sapelli - Col potere ai professori venne l’inverno della nostra civiltà

Bagnai - Crisi finanziaria e governo dell'economia

Petras - Verso dittature tecnocratiche

 

 

Alfabeta2

andreacarancini.blogspot.it

Animal Station

Appello al Popolo

ArruotaLibera

Alberto Bagnai

Carlo Bertani

Bye Bye Uncle Sam

Cado In Piedi

Campo Antimperialista

Franco Cardini

Carmilla Online

Marco Cedolin

Civium Libertas

Clarissa

Cloroalclero

Cobraf

COMIDAD

Conflitti e Strategie

Da Dietro Il Sipario

Decrescita Felice

Democratic Nutrition

Doppio Cieco

Eddyburg

Eurasia

Free Animals

Geopolitica

Geopoliticamente

Giornale del Ribelle

Fulvio Grimaldi

Iceberg Finanza

Io Non Sto Con Oriana

Karlmarxplatz

Kelebleker

Libre Idee

Loop on Line

Domenico Losurdo

Mainstream

Antonio Mazzeo

Megachip

Nazione Indiana

Nena News

Nogeoingegneria.com

L’Orizzonte degli Eventi

Eugenio Orso

Palestina Libera!

I Quaderni di Truman

Rinascita

Rischio Calcolato

Salamelik

Selvas

Senza Soste

Sinistra In Rete

Sollevazione

Tlaxcala

Veganzetta

La Voce delle Voci

La Voce del Ribelle

Voci Dalla Strada

Voci Dall'Estero

 

 

fratelli

fini



 

 

Alainet.org

Argenpress

Cubadebate

Daniel Estulin

Gara

Percy Francisco Godoy

InSurGente

La Haine

Kaos en la Red

La Jornada

Alberto Montero

Vicenç Navarro

Nueva Tribuna

Pagina/12

Rebelion

Sinpermiso

Adrian Salbuchi

Sur y Sur

Tercera Informacion

Visiones Alternativas

Rodolfo Walsh

 

 
  comedonchisciotte :: Leggi il Topic - in risposta al critico sulla decrescita
 FAQFAQ   CercaCerca   Gruppi utentiGruppi utenti   ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

in risposta al critico sulla decrescita

 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Opinioni
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
dana74
Newbie
Newbie


Registrato: Apr 15, 2009
Messaggi: 13914

MessaggioInviato: Mer Feb 29, 2012 3:00 am    Oggetto: in risposta al critico sulla decrescita Rispondi citando

In risposta a Filippo Zuliani, nuovo critico della decrescita
di Giuseppe Leoni e Massimo De Maio - 28/02/2012

Fonte: Movimento per la Decrescita Felice [scheda fonte]



Giuseppe Leoni e Massimo De Maio, membri del consiglio direttivo di MDF, rispondono a Filippo Zuliani, ennesimno critico della decrescita:
http://www.ilpost.it/filippozuliani/2012/02/24/sulla-decrescita/

Caro Zuliani, uno degli errori di fondo, dal quale poi discende gran parte del Suo ragionamento, è che avere più risorse significa automaticamente aver più benessere. Cioè assimilare l’avere al benessere. Ma chi l’ha detto? chi ha detto che l’aver più cose, acquistate con le “risorse”, dia maggior benessere della gratificazione dell’autocostruirsi o dell’autoripararsi le cose; del camminare con abiti che, sebbene “vecchi” piacciono ancora al dispetto di quelli nuovi indotti dalle mode; del viaggiare lento; del piacere del dono, dell’aiutarsi a vicenda, della solidarietà? Tutte soddisfazioni che non dipendono da risorse economiche. Tutti piaceri non misurati dal PIL. La Decrescita è “felice” proprio quale automatica conseguenza di tali atti, scelti liberamente e non imposti da alcuno, come piuttosto cerca di fare la straripante e ossessiva pubblicità. E, a proposito di benessere, è proprio la pubblicità, in ossequio alle regole del “mercato”, che ha come obiettivo principale quello di rendere il “consumatore” (orribile definizione) eternamente insoddisfatto, presentandogli oggetti sempre più nuovi. Che trasforma, con i suoi subdoli metodi, i desideri in bisogni, sollecitando costantemente il “consumatore” a dannarsi per soddisfare tali “bisogni”.

La Decrescita Felice è una scelta di vita fatta da persone che vogliono costruirsi il benessere fondato su atti liberi scaturiti da scelte volontarie ed intelligenti, nel rispetto per gli altri uomini e dell’ambiente.

Cordiali saluti.

Giuseppe Leoni

p.s.: se vuole, possiamo poi parlare di occupazione, perché è la crescita che ha creato la disoccupazione. Le scelte decrescenti
invece la possono aumentare
http://decrescitafelice.it/content/debiti-pubblici-crisi-economica-e-dec...

Caro Zuliani,
la ringrazio perchè il suo articolo pubblicato oggi sul sito "il Post" offre interessanti spunti per approfondire alcuni argomenti sulla decrescita felice. Il suo incipit su decrescita e sviluppo sostenibile è abbastanza azzeccato. È il resto che necessita di qualche precisazione.

Comincio col dirle con estrema franchezza che se esponenti della sinistra pensano di poter cavalcare la decrescita felice per tentare di prolungare di qualche anno le loro ideologie in fin di vita, saranno presto disarcionati. Lo stesso dicasi per qualsiasi altro esponente di qualsiasi altro schieramento ideologico, di destra o di sinistra, che fa riferimento a idee, analisi e proposte del secolo scorso. Il movimento di idee e buone pratiche che stiamo faticosamente costruendo da qualche anno a questa parte in Italia richiede il superamento di schieramenti che di fronte alle sfide epocali del nostro tempo non hanno più alcun senso.

Lei ha perfettamente ragione quando dice che gli indicatori di benessere alternativi al PIL fanno ancora riferimento al PIL. Non siamo ancora giunti alla definizione di un indicatore statistico che sostituisca, e non integri, il PIL. Lo dice anche Maurizio Pallante che nel suo penultimo libro ("Meno e meglio", Pallante - Bruno Mondadori, 2011) ha dedicato all'argomento un intero capitolo dando anche qualche indicazione in merito. Ci dia un po' di tempo, il nostro cammino teorico, a differenza di quello degli estimatori di Keynes, Smith, Marx e Ricardo, è appena iniziato.

Tuttavia, reputo estremamente importante il fatto che a livello nazionale e internazionale si sia definitivamente messo in discussione il PIL quale indicatore di benessere. In Italia lo ha già fatto l'ISTAT. In Francia, invece, Nicolas Sarkozy, non io, o Pallante, o un esponente di sinistra, afferma che "Il problema nasce dal fatto che il nostro mondo, la nostra società e la nostra economia sono cambiati, e gli indicatori non l’hanno fatto di pari passo. Dal fatto che alla fine, senza neppure rendersene conto, si è fatto in modo che le statistiche e i conti dicessero cose che in realtà non dicevano né avrebbero potuto dire. Abbiamo finito per confondere le nostre rappresentazioni della ricchezza con la ricchezza stessa e le nostre rappresentazioni della realtà con la realtà stessa. Ma la realtà finisce sempre per avere l’ultima parola" ("La misura sbagliata delle nostre vite", Stiglitz, Sen, Fitoussi - Etas Libri, 2010).

Secondo il mio modesto parere non si tratta solo di misurare il "benessere" delle persone, ma di misurare le prestazioni di una economia. Bisogna, cioè, chiedersi come una economia sta provvedendo al soddisfacimento dei bisogni della gente mediante l'utilizzo di risorse scarse e suscettibili di utilizzi alternativi. Se ho un pezzo di terra posso usarlo per coltivarlo o per costruirci una palazzina proprio perché è una risorsa scarsa suscettibile di usi alternativi. La scelta che andrò a fare è una scelta economica. Se la misura di performance dell'economia è di tipo quantitativo ed espressa mediante la crescita del PIL, molto probabilmente si opterà per la costruzione della palazzina, secondo la credenza in base alla quale l'edilizia crea ricchezza e occupazione. Se, invece, la misura di performance cambia radicalmente ed include parametri come la sostenibilità delle scelte economiche che si compiono o il grado di sovranità alimentare aggiunto da una popolazione, probabilmente si giudicherà migliore la performance di quell'economia che sceglierà di coltivare quello stesso pezzo di terra. In questo senso, la decrescita felice si propone di riportare l'economia al suo originario ruolo di gestione della casa comune e non di strumento per perseguire una crescita continua di produzione e consumi fine a se stessa.

Mi permetto di dissentire in merito all'affermazione "Risparmiare risorse, ad esempio, isolando termicamente casa serve appunto a consegnare un surplus di risorse libere (quelle risparmiate) da investire in altro, con il risultato di far crescere il PIL". In macroeconomia produzione, consumi e reddito sono quantità equivalenti, poichè si presuppone che tutto ciò che si produce venga consumato da qualcuno e che tutto ciò che si consuma si trasformi in reddito per qualcun'altro. È un concetto basilare che dovrebbe conoscere anche Feltri, che Lei cita. Per questo, se si riducono complessivamente produzione e consumi, si ridurrà anche il reddito nazionale e quello pro-capite. Dunque, se ristrutturo la mia casa e faccio in modo che consumi un decimo dell'energia che consuma oggi, non avrò risorse aggiuntive da spendere in qualcos'altro poichè appena terminati i lavori i miei minori consumi energetici faranno decrescere prima il PIL, il reddito nazionale e anche il mio reddito. Insieme alla casa, dovrò ristrutturare anche il mio stile di vita. Come? In senso pauperistico? Con inaccettabili rinunce? Nient'affatto! Un paio di anni fa ho condotto uno studio per l'associazione Fare Verde. Abbiamo misurato l'impatto sul bilancio economico di una famiglia media residente a Roma di 15 azioni finalizzate alla riduzione di sprechi ed inefficienze nei campi dell'alimentazione, della produzione di rifiuti, della mobilità, dell'uso dell'energia elettrica e del riscaldamento. Lo studio ci ha detto che è possibile ottenere, secondo stime prudenziali, un risparmio annuo per famiglia superiore ai 5.000 euro (http://www.fareverde.it/blog/rivista/ecologia-e-risparmio). Si tratta in gran parte di azioni che non richiedono particolari spese - che andrebbero a far crescere il PIL - ma piuttosto un cambiamento negli stili di vita. Inoltre, si tratta di un risparmio conseguibile non solo a parità di servizi, che significa non dover rinunciare a nulla, ma che è anche desiderabile poichè comporta un miglioramento della qualità della vita: cibi più freschi e sani, case più calde e confortevoli, meno rifiuti, meno inquinamento. Quindi, se cambiamo paradigma, come la decrescita felice suggerisce, ci accorgiamo che è possibile eliminare gli sprechi migliorando l'efficienza con la quale utilizziamo le risorse naturali e continuare a fare le stesse cose con una migliore qualità della vita, seppur in presenza di una generale diminuzione di PIL e reddito procapite.

Ovviamente, così come non si può crescere all'infinito, non si può neanche decrescere all'infinito. Dal mio punto di vista sarà sufficiente far decrescere produzione e consumi fin sotto la soglia di sostenibilità rappresentata dall'unico pianeta che abbiamo a disposizione. È noto, infatti, che per sostenere i nostri attuali consumi sarebbero necessari un pianeta e mezzo, e andiamo verso i due. Raggiunta la soglia della sostenibilità, l'economia potrà anche tornare ad essere stazionaria, come lo è stato per tutta la storia dell'umanità: da quel momento in poi le performance dell'economia sarebbero misurate, in maniera più utile e concreta, da come l'economia soddisfa i bisogni della gente e non da quanto cresce il PIl di anno in anno.

Dunque, dopo due secoli e mezzo di crescita, l'economia potrebbe stabilizzarsi in un nuovo punto di equilibrio ecologico e macroeconomico (vedi: http://steadystate.org/) - attenzione, è un concetto ben diverso dalla "stagnazione"! - ma ad un livello di qualità della vita infinitamente più alto delle ere pre-industriali. È infatti poco probabile che dopo una fase di necessaria decrescita felice ci si dimentichi di come produrre elettricità o pennicillina, di come portare l'acqua in casa o strutturare una rete internet. Al contrario, razionalizzare l'uso di risorse naturali ed energia, tenendo finalmente conto della loro reale disponibilità, richiede un grado elevatissimo di innovazione. Molto superiore a quello attuale. Perchè ci vuole più tecnologia per costruire e far funzionare una smart grid per la produzione decentrata di elettricità che continuare a costruire centrali a carbone. Bisogna decidere solo in quale direzione convogliare la nostra sete di conoscenza, la nostra creatività e la nostra capacità di immaginare un mondo differente e migliore.

Concludo rassicurandola sul permanere dei meccanismi democratici in uno scenario di decrescita felice. Lungi dall'essere solo una teoria, l'economia della decrescita felice che ho provato a tratteggiare molto sommariamente nello spazio di questo breve articolo, sta già trovando le sue prime forme di attuazione. Oltre ai cittadini sempre più numerosi che in tutta Italia si riuniscono in circoli del Movimento per la Decrescita Felice per cambiare comunitariamente i loro stili di vita, sono Sindaci ed Assessori democraticamente eletti, e non poteri centralizzati e incontrollabili, a porre limiti alla cementificazione, eliminare l'usa e getta dalle mense scolastiche, realizzare riqualificazioni energetiche di immobili pubblici, perseguire l'autosufficienza energetica dei territori che amministrano, promuovere ed aiutare i gruppi d'acquisto. Insomma, esiste già una politica che democraticamente decide cosa è sostenibile e cosa non lo è. E non è rappresentata dai mondi irreali e distanti dai bisogni della gente in cui vivono D'Alema, Berlusconi o gli altri leader mediatico-politici italiani.

Dunque, non si tratta di aver paura di superare le colonne d'Ercole. Credo che nessuno sia più coraggioso di chi, come noi, sta cercando di mettere in discussione un intero modello non solo economico, ma anche culturale, avventurandosi in territori inesplorati con un grande sforzo di elaborazione anche tecnico-scientifica. Si tratta piuttosto, di fermarsi sull'orlo del baratro prima di cascarci dentro. Questo ci rende ancora più umani.

Massimo De Maio
socio fondatore e consigliere nazionale del Movimento per la Decrescita Felice

PS. le consiglio la lettura del nostro ultimo libro, scritto a più mani, "debiti pubblici, crisi economica e decrescita felice" (http://www.editoririunitiuniversitypress.it/libri/debiti-pubblici-crisi-...). Ci troverà, oltre alla teoria, anche molta pratica.

http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=42661
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Opinioni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum

Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
 
 

Forums ©

 
  La redazione non esercita un filtro sui commenti dei lettori. Precisa che gli unici proprietari e responsabili dei commenti sono gli autori degli stessi e che in nessun caso comedonchisciotte.org potrà essere considerato responsabile per commenti lesivi dei diritti di terzi. La redazione informa che verranno immediatamente rimossi:

- messaggi non concernenti il tema dell'articolo
- messaggi offensivi nei confronti di chiunque
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisca una violazione delle leggi vigenti (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)




Disclaimer A meno di avvisi di particolari (articoli con diritti riservati) il materiale presente in questo sito può essere copiato e ridistribuito, purchè vengano citate le fonti e gli autori. Non si assume alcuna responsabilità per gli articoli e il materiale pubblicato. I contenuti sono pubblicati senza periodicità.

Il logo del sito (adattato da xkcd.com) è rilasciato con licenza creative commons.